Dieta di Biohacking: 5 Biohacks Nutrizionali Per Ottimizzare la Tua Salute

In questo articolo scoprirai alcuni biohacks nutrizionali che ti aiuteranno ad effettuare una corretta dieta di biohacking!

Se uno dei buoni propositi per il nuovo anno è quello di migliorare la tua dieta e hai capito che una maggiore attenzione all’alimentazione può migliorare la tua qualità di vita, allora sei nel posto giusto.

In questo articolo, infatti, ti mostrerò alcuni biohacks nutrizionali che ti aiuteranno a capire come una corretta dieta di biohacking possa aiutarti a diventare la versione più sana e felice di te stesso, aumentare la tua energia, perdere peso e molto altro.

5 Biohacks Nutrizionali Per Ottimizzare La Tua Salute

hacking della dieta

Non è un segreto che nell’ultimo secolo le nostre diete sono cambiate enormemente.

La stessa frutta e verdura che prima veniva chiamata di stagione, ora è disponibile in qualsiasi giorno dell’anno, molti alimenti sono geneticamente modificati e, spesso, poveri dei nutrienti che prima li caratterizzavano.

Ecco perché è sempre più importante applicare una vera e propria dieta di biohacking!

Gli esperti di nutrizione sono consapevoli di come il cibo influenzi il nostro corpo in tanti modi e stanno cercando di capire come possiamo modificare ciò che è disponibile a beneficio della nostra salute.

Il tutto con un approccio scientifico che non si limita a consigliare una riduzione dell’apporto calorico o aumentare l’intensità degli allenamenti.

Abbiamo messo insieme diversi punti di vista di numerosi scienziati e abbiamo riassunto in questo articolo i 5 consigli per una dieta di biohacking in modo tale da ottimizzare la tua salute!

1. Provare Il Digiuno Intermittente

Quando si tratta di hackerare la propria dieta i ricercatori hanno scoperto che non è solo quello che mangiamo a fare la differenza ma quando lo mangiamo.

Se ti ha spaventato la sola vista della parola “digiuno”, ti capisco. Come resistere giorni interi senza cibo?

Il digiuno intermittente sembra essere un felice compromesso!

Si tratta di un modello alimentare che si segue durante il giorno e ti permetterà, non solo di perdere grasso, ma anche di guadagnare muscoli ed energia.

Per capire perché il digiuno intermittente funziona, dobbiamo conoscere la differenza tra il nostro corpo in uno “stato di alimentazione” e in uno “stato di digiuno”.

Quando il tuo corpo è in uno stato di alimentazione, stai digerendo e assorbendo il cibo. In generale, si è in uno stato di alimentazione dalle tre alle cinque ore dopo aver mangiato. Durante questa fase, i tuoi livelli di insulina sono alti e il tuo corpo è concentrato sulla digestione.

Durante lo stato di digiuno, invece, si riduce la resistenza all’insulina, che abbassa la glicemia e rende il grasso corporeo più accessibile ad essere bruciato.

Alcuni esperti indicano che il digiuno intermittente può anche ridurre il colesterolo LDL (il colesterolo “cattivo”), migliorare la funzione cognitiva, prevenire il cancro, aumentare l’autofagia cellulare (rimozione dei rifiuti cellulari) e diminuire i livelli di infiammazione.

Esistono molte versioni di digiuno intermittente, ma la più facile da applicare è quella ”16/8”, secondo cui puoi mangiare per 8 ore e digiunare per le restanti 16.

Ad esempio, ogni giorno si mangia dalle 13.00 alle 21.00 e si digiuna dalle 21.00 alle 13.00 del giorno successivo.

2. Eliminare Gli Zuccheri

Questo è il biohacks nutrizionale per eccellenza, che in pochi riescono a seguire.

Facciamo un passo indietro e cerchiamo di capire perché non possiamo proprio fare a meno degli zuccheri.

Migliaia di anni fa, i nostri antenati non avevano tante alternative, o andavano a caccia e mangiavano carne o trovavano qualche albero pieno di frutta.

La frutta, è risaputo, è ricca di zuccheri, che si accumulano nel nostro corpo sotto forma di grasso.

Quest’ultimo era fondamentale nei periodi di digiuno e durante l’inverno, in quanto, una volta bruciato, liberava molta energia per la sopravvivenza.

Era normale, quindi, trovare della frutta ed ingerirne il più possibile o farne scorta.

Oggi, accumulare tutti questi zuccheri non è necessario…

Eppure il consumo di zucchero è aumentato in modo ridicolo nell’ultimo secolo.

Questo aumento può essere collegato direttamente alla disponibilità di cibi in scatola e alla tendenza delle aziende di aggiungere zucchero negli alimenti per portare le persone a consumare di più i loro prodotti.

(Un esempio lampante è il ketchup! Si, anche lui è pieno di zuccheri.)

Cosa Succede Al Corpo Quando Si Smette Di Assumere Zucchero?

Ma ecco i 3 principali benefici che otteniamo dall’eliminazione gli zuccheri raffinati (quelli non naturali) dalla nostra dieta:

1. Aumenta L’energia

I cibi zuccherati sono famosi per portare il nostro corpo in uno stato di euforia ed alta energia. Questo stato, però, è solo momentaneo e destinato a durare poco. Infatti, dopo il picco energetico, si verificano dei veri e propri crolli che sostituiscono l’energia con letargia e lentezza.

Per evitare ciò è consigliabile assumere alimenti ricchi di nutrienti come cereali integrali, frutta, carni magre e verdure a foglia.

2. Migliora Il Mood E La Chiarezza Mentale

Gli studi dimostrano che l’80% delle persone che hanno smesso di mangiare zucchero e altri cibi malsani ha notato un miglioramento della loro lucidità e performance mentale ed una diminuzione degli stati di ansia, depressione, rabbia e stress.

3. Si Riducono Le Infiammazioni

Sfortunatamente, lo zucchero è in cima alla lista degli alimenti che possono aumentare l’infiammazione muscolare e articolare. Numerosi studi suggeriscono che gli zuccheri raffinati rilasciano sostanze pro-infiammatorie nel corpo, causando infiammazione nelle articolazioni.

Ora capisci come rinunciare a merendine, caramelle e tutti i prodotti contenenti zuccheri raffinati è necessario per un corretto ed efficace hacking della propria dieta!

3. Aumentare Le Fibre

Potrà sembrarti assurdo ma nel nostro corpo vivono più batteri che cellule!

Molti abitano sulla pelle, nella bocca e nel naso, ma la grande maggioranza (circa 1000 specie diverse) vive nell’intestino, principalmente nell’intestino crasso.

Il rapporto che abbiamo con questi batteri è di totale collaborazione, tu fornisci cibo, riparo e un habitat sicuro, in cambio, loro si prendono cura di alcune funzioni che il corpo umano non riesce a svolgere da solo, tra cui il controllo del peso, il controllo degli zuccheri nel sangue, la funzione immunitaria e persino la funzione cerebrale.

Ma cosa hanno in comune i batteri e le fibre?

Proprio come qualsiasi altro organismo, i batteri hanno bisogno di mangiare, per ottenere energia, per sopravvivere e funzionare.

Il problema è che la maggior parte dei carboidrati, delle proteine e dei grassi vengono assorbiti nel flusso sanguigno prima di arrivare all’intestino crasso, lasciando poco alla flora intestinale.

È qui che entrano in gioco le fibre!

Le cellule umane non hanno gli enzimi per digerirle, quindi raggiungono l’intestino crasso relativamente inalterate e vengono assimilate dai batteri che, sviluppandosi, producono nutrienti per il corpo, tra cui acidi grassi a catena corta come acetato, propionato e butirrato.

Questi acidi grassi a catena corta possono alimentare le cellule del colon, portando a una riduzione dell’infiammazione intestinale e a miglioramenti nei disturbi digestivi.

Le fibre, inoltre, possono ridurre l’appetito, abbassare i livelli di colesterolo e diminuire l’aumento della glicemia dopo pasti ricchi di carboidrati.

Se vuoi conoscere la salute dei batteri che popolano il tuo intestino e tutti i vantaggi che ne derivano, ti consiglio questo strumento per una corretta dieta di biohacking: Viome.

4. Ottimizzare L’assorbimento Della Vitamina D

biohacks nutrizionali

La vitamina D è una vitamina liposolubile che il nostro corpo produce naturalmente quando è esposto alla luce del sole oppure ottiene da alcuni alimenti ed integratori per garantire livelli adeguati nel sangue.

La vitamina D può ridurre il rischio di alcune malattie, migliorare l’umore, ridurre i sintomi della depressione e aiutare nella gestione del peso.

È difficile ottenere abbastanza vitamina D solo attraverso la dieta, quindi è consigliabile chiedere un esame del sangue e considerare l’assunzione di integratori specifici.

Ad ogni modo ecco alcuni alimenti che contengono vitamina D per seguire una dieta di biohacking naturalmente:

  • salmone
  • sardine
  • aringa
  • tonno in scatola
  • olio di fegato di merluzzo
  • fegato di manzo
  • tuorlo d’uovo
  • gamberetti
  • funghi
  • latte
  • alcuni cereali e avena
  • yogurt
  • succo d’arancia

5. Integrare I Superfoods

Parliamoci chiaro, nessun singolo alimento può offrire tutta la nutrizione, i benefici per la salute e l’energia di cui abbiamo bisogno.

Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che, per le loro proprietà benefiche, prendono il nome di “superfoods” e sono dei toccasana da non sottovalutare per una potente dieta di biohacking! I prodotti più facilmente reperibili in un normale supermercato sono:

1. Mirtilli

Ricchi di fibre ed antiossidanti, queste bacche sono un toccasana per il sistema immunitario e l’aumento delle funzioni cognitive.

Come includerli nella dieta: quando le bacche non sono di stagione, è altrettanto salutare comprarle congelate. Aggiungetele allo yogurt, ai cereali e ai frullati, o mangiatele al naturale come spuntino.

2. Pesce

Ottima fonte di proteine e di acidi grassi omega 3, il pesce aiuta a prevenire diverse malattie cardiache ed aumentare le funzioni cognitive grazie alla presenza di fosforo e calcio.

Come includerlo: comprate pesce fresco, congelato o in scatola. I pesci con il più alto contenuto di omega 3 sono salmone, tonno, sgombro, aringhe, trota, acciughe e sardine.

3. Verdure a Foglia Scura

Spinaci, bietole, lattuga, cavolfiore sono una buona fonte di vitamina A, vitamina C e calcio, oltre a diverse sostanze fitochimiche (sostanze chimiche prodotte dalle piante che hanno un effetto positivo sulla salute).

Come includerli: potete aggiungerle nelle insalate o saltarli con un po di olio di oliva in padella oppure unirle alle zuppe e agli stufati.

4. Nocciole, Noci, Mandorle, Noci Pecan

Noci, mandorle, e anacardi contengono Vitamina E, acidi grassi omega3, e sali minerali, tutte sostanze ricche di proprietà benefiche.

Per la presenza di acidi grassi omega3, invece, noci e mandorle, proteggono le arterie migliorando la circolazione e quindi diminuiscono il rischio di infarto e arteriosclerosi.

Come includerle: Aggiungetene una manciata ai fiocchi d’avena o allo yogurt o mangiateli come spuntino. Ma ricordate che sono caloricamente densi, quindi limitatevi a una piccola porzione.

Provate vari tipi di burro di noci come quello di arachidi, di mandorle o di anacardi.

Le noci sono anche un ottimo accompagnamento per le verdure cotte o le insalate.

Conclusione

penna che scrive grazie

Bene, siamo arrivati alla conclusione e ti ringrazio di essere arrivato fino a qui!

Se hai letto con attenzione quest’articolo avrai capito come ottimizzare la tua salute attraverso 5 semplici biohacks nutrizionali. Ripetiamoli velocemente: prova il digiuno intermittente, elimina gli zuccheri, aumenta le fibre, ottimizza l’assorbimento della vitamina D e integra i superfood.

Se vuoi eseguire un corretto ed efficace biohacking della tua dieta, ti consiglio di non unire tutti i biohacks nutrizionali dal primo giorno…

Hai più energia? Ti senti più concentrato? Il tuo sonno è migliorato? Inizia con uno alla volta e scopri come reagisce il tuo corpo!

Inizia oggi e i risultati non tarderanno ad arrivare.

Qualora ti fosse piaciuto l’articolo, ti consiglio di approfondire il biohacking attraverso gli articoli della sezione “Biohacking”!

Share your love!
Housam

Housam

Sono Housam, un blogger professionista, esperto di SEO e appassionato di analisi.

Mi dedico alla gestione della parte numerica di IoHappy e sono orgoglioso della mia flessibilità e capacità di adattarmi facilmente a situazioni diverse.

Mi sforzo sempre di portare una prospettiva unica al mio lavoro e sono impegnato a ottimizzare la nostra presenza online attraverso strategie basate sui dati.

Oltre al mio lavoro, ho una passione per la crescita personale e sto sempre cercando nuovi modi per migliorare e sfidarmi.

Articoli: 377